Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for giugno 2015

arton699-94a97

Giulia aveva deciso di prendersi un giorno libero. E così per quel giovedì si era concessa di non puntare la sveglia, si alzò con  calma alle nove e impiegò più di un’ora per farsi la doccia, asciugare i capelli e truccarsi con cura.   Si sentì anche libera di lasciare il cellulare spento, perché nessuno potesse disturbarla, e se ne uscì di casa.  Ovviamente aveva cancellato tutti gli appuntamenti fissati per quel giorno  presso il suo studio di avvocato, libera perfino dal senso di colpa per aver abbandonato i suoi clienti al loro destino.

 Se ne andò in giro per la città senza seguire un programma prestabilito ma inseguendo  soltanto il filo dei suoi pensieri, ai quali per una volta lasciò la libertà di esprimersi senza censura. E allora si sentì finalmente libera di ammettere con se stessa che  ne aveva abbastanza. Non ne poteva più di una  madre perennemente in bilico fra depressione e alcolismo, di un  figlio disoccupato di professione, di una  figlia separata due volte, che sembrava avere più bisogno della sua consulenza legale  che del suo affetto materno.  Si sentì libera di scrollarsi di dosso il peso delle responsabilità, lei che  si era sempre fatta carico dei problemi altrui, in famiglia e sul lavoro. Libera di riconoscere la sua solitudine nonostante la schiera di amici, reali e virtuali, ma tutti ugualmente ignari di quello che stava maturando in lei. Libera di urlare tutti i vaffanculo soffocati per senso del dovere, per amore filiale, coniugale, materno, amicale. Libera dal dover essere allegra e sorridente anche se dentro si sentiva a pezzi. Libera di piangere senza vergogna  e chi se ne frega del mascara che cola e della dignità che va a rotoli.  Libera di fare lo sgambetto all’analista, di prendere a sberle la paura, di non pensare più a niente, a nessuno, e di non tornare più indietro, ma avanti, avanti, avanti, fin sopra il parapetto di quel cavalcavia. E poi giù, a volo libero, per sempre libera.

Racconto di Flavia Rolli

Immagine dal web

Read Full Post »

L’8 giugno ho vissuto  un’altra  serata speciale in compagnia degli amici che partecipano al laboratorio “Semplicemente haiku”.

Ecco il componimento che ciascuno di noi ha scelto di condividere qua su Filintrecciati,

scegliendolo fra tutti quelli che sono scaturiti durante questa suggestiva passeggiata

nella campagna alla periferia di Milano, a Bareggio.

10363797_968862149825199_4532253039343706794_n

lampi lontani

ma non s’ode un tuono –

solo cicale

haiku di Andrea Omini

11401203_968861203158627_1905835901231113221_n

lenti i miei passi –

come è lenta la sera 

tarda la notte

haiku di Luigi Zamproni

11392886_968860923158655_2035562121226386420_n

lontano è ancora

dalle spighe quiete

il temporale

haiku di Laura Cainarca

20150608_212144

solo al crepuscolo

l’albero attende invano

tradito dalla luna

katauta di Flavia Rolli

***

immagini di Laura Cainarca, ideatrice del laboratorio. 

Read Full Post »

11401203_968861203158627_1905835901231113221_n

 

a passo lento

tra le messi ondeggianti –

quieto tramonto

***

haiku di Flavia  Rolli

 

***

immagine di Laura Cainarca durante il laboratorio 

“Semplicemente haiku”

Read Full Post »

katatuta di Francesca

rugiada-sullerba-152711

gocce sull’erba

trapassate dal sole –

lucciole anche di giorno

***

katauta di Francesca Casagrande

immagine dal web

Read Full Post »

haiku di Flavia

gelsomino

cadono stelle

dai gelsomini in fiore –

le foglie sole

***

haiku di Flavia

immagine dal web

Read Full Post »

senryu di Luigi

_DSC4921

 

pioggia sul Campo 

ci aggiriamo silenti

i cuori stretti

***

senryu di Luigi Zamproni

scritto nel corso di una visita al campo di concentramento di  Auschwitz

***

foto di  Gianluca Rosso

Read Full Post »