Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for febbraio 2016

 

Titanic 2

Come in un film, come Jack e Rose nelle ultime sequenze del Titanic. Aggrappati  a una zattera che sprofonda, Saahir  e Nadira si stringono uno all’altra in un abbraccio che sarà per sempre. Il legno che scricchiola, le urla e i lamenti attorno a loro di altri disperati, i vestiti inzuppati, gli occhi che fissano con terrore il buio  e le onde nere del mare.

Le acque dell’Egeo sono gelide in questa cupa notte di gennaio e non lasciano scampo. A poco a poco  Nadira e Saahir sprofondano in un torpore che spezza le loro ultime forze. Le mani abbandonano la presa e i loro corpi scivolano in mare senza neppure un grido, una parola.

 Non sono Jack e Rose. Di loro non si conosce neppure il nome.  E lui non è giovane, bello e non ha il ciuffo biondo  di Jack ma ricci capelli neri incollati al viso. Lei ha il capo coperto da un velo nero. Non si sono imbarcati su un transatlantico ma su un barcone di terza mano, tenuto insieme da chiodi arrugginiti, ammassati insieme ad altri profughi  come animali condotti al macello.

Come dentro a un film, muoiono tragicamente, ma la loro è una morte ordinaria. Due numeri, semplicemente due numeri che si aggiungono a tanti altri. Non fanno spettacolo, non fanno neppure più notizia. E la pietà che dovrebbe accompagnare la loro triste fine è ormai sprofondata in un mare di indifferenza,  ancora più scuro e spietato di quello che li ha inghiottiti.

***

Racconto di Flavia Rolli

Immagine dal web

Read Full Post »

katauta di Francesca

 

 

img_6066

vedo riflesso

nello specchio notturno

il volto della luna

***  

katauta di Francesca

immagine dal web

Read Full Post »