Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘dedica’ Category

senryu di Luigi

_DSC4921

 

pioggia sul Campo 

ci aggiriamo silenti

i cuori stretti

***

senryu di Luigi Zamproni

scritto nel corso di una visita al campo di concentramento di  Auschwitz

***

foto di  Gianluca Rosso

Read Full Post »

Nero – di Flavia

asfalto

Nero

come l’asfalto che vi corre incontro

come il vostro orizzonte senza più luce

come il silenzio delle vostre voci.

 

Nero

come l’inchiostro di un necrologio

come il dolore, come il vuoto

che fa più preziosa la memoria.

 

Nero

come l’amato Black 

unico sopravvissuto

rimasto solo.

 

Nero. 

Ora che voi non siete.


***

Dedica di Flavia Rolli

Immagine dal web

Read Full Post »

haiku di Flavia

 

S e G

 

freddo mattino –

un’ombra all’improvviso

due raggi in meno

*****

haiku di Flavia Rolli

dedicato a due carissimi  amici 

****

immagine dal web

Read Full Post »

七夕 tanabata

chiedo alle stelle

un cuore traboccante

di nuova gioia

***

Francesca Casagrande 

Haiku del primo giorno del Tanabata, che regalo con affetto alla mia mamma insieme all’augurio che contiene. 

Read Full Post »

spontaneamente

cresce una margherita

in mezzo ai campi

***

Francesca

Immagine dal web

Haiku dedicato a mia mamma Flavia, insieme alla quale scrivo su questo nostro blog. Un delicato petalo per ogni bella emozione vissuta o da vivere insieme, a formare un fiore simbolo di vita, speranza, e semplicità. Proprio come una margherita sbocciata spontaneamente in un campo verde.

Read Full Post »

Splendidamente
la pioggia monsonica
squassa la città
***
Francesca
(immagine dal web)

Read Full Post »

Odo cantare

le fate dentro ai fiori

petali a festa

***

Francesca

* Haiku scritto per la festa della mamma ma pubblicato solo ora a causa della mancanza di connessione nei giorni scorsi.  Auguri  a tutte le mamme che  passano per il nostro blog!

Read Full Post »

Sono una danza

le parole del corpo

-voce del cuore

***

Francesca

 

(immagine dal web)

Questo post è dedicato a mia mamma, Flavia, che domenica 22 Aprile finalmente leggerà il suo meraviglioso racconto ‘Solchi’ (https://filintrecciati.wordpress.com/2012/04/20/le-parole-del-corpo-solchi/) nel corso della Sesta Maratona Letteraria di Settimo Milanese. I miei più affettuosi complimenti per il bellissimo scritto e uno speciale augurio per questa densa esperienza. 

Read Full Post »

Mille ali in volo –

grappoli di bianche gru

per esaudire il cuore

***

Flavia

(immagine dal web)

Katauta dedicato al grande maestro di origami Akira Yoshizawa  (14 marzo 1911 – 14 marzo 2005), nel giorno di marzo in cui nacque e morì.

Ho scelto come soggetto la  figura della gru perché è uno degli origami tradizionali giapponesi più noti, spesso donati in segno di buon auspicio.  Narra un’antica leggenda giapponese che la gru possa vivere 1000 anni :   chiunque pieghi  o riceva in dono mille gru vedrà i desideri del proprio cuore esauditi. Realizzare per sé o regalare i tradizionali “grappoli” di mille gru (oridzuru) è quindi considerata una pratica simile agli ex voto della cultura cattolica. L’ episodio più noto legato a questa tradizione è quello di Sadako Sasaki, una bambina esposta alle radiazioni della bomba atomica di Hiroshima.   In fin di vita a causa della leucemia, la bambina iniziò allora a piegare le mille gru, ma morì prima di riuscire a portare a compimento la propria opera.  Le venne eretta una statua nel Parco della Pace di Hiroshima, una ragazza in piedi con le mani aperte ed una gru che spicca il volo dalla punta delle sue dita.  Ogni anno questo monumento è adornato con migliaia di corone di mille gru. La storia di Sadako è diventata soggetto di molti libri e film ed ha portato la gru da simbolo di immortalità a simbolo di pace. In una versione della storia, Sadako scrive un haiku che tradotto in italiano suona cosí:

Scriverò pace sulle tue ali

intorno al mondo volerai

perché i bambini non muoiano più così

In un’altra versione, un suo compagno di classe piega il numero restante di modelli in modo che lei possa essere sepolta con 1000 gru: è questa la versione riportata nel romanzo  Il Gran Sole di Hiroshima, di Karl Bruckner.

Altre interessanti annotazioni al seguente sito: http://www.scuola-judo-tomita.com/varie/stemma/gru/gru.htm#gru

Read Full Post »

nido- Francesca

In mezzo ai rami

l’uccellino assopito

dischiude gli occhi

***

Francesca

 

(immagine dal web)

*una dedica  al ‘nido’ che ciascuno di noi porta del cuore, fuso e confuso contro questo sole, tra i rami d’albero accarezzati dal vento puntellati di gemme. 

Read Full Post »

Older Posts »