Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘estate’ Category

Pubblico qui di seguito due haiku rimasti nel cassetto dall’inizio dell’estate…il primo di Francesca, il secondo di Luigi. Anche se l’autunno è già iniziato,  facciamo un breve passo indietro….

giardini-fioriti_n1

 

sboccia l’ortensia

in mezzo ai gelsomini –

ecco l’estate

 

haiku di Francesca  Casagrande

***

fireflies-fireflies-13726341-600-400

giunge l’estate –

lucciole nel solstizio

stelle cadute

 

haiku di Luigi Zamproni

*****

 

immagini dal web

 

Read Full Post »

volo Creta

nel blu del cielo

più in alto delle nubi

si libra il sogno

****

haiku e immagine di Flavia Rolli

Read Full Post »

Hanami: Estate Haiku

E’ uscito  Estate Haiku,  quarto volume della collana antologica Hanami.

Lo abbiamo presentato in anteprima lunedì 6 giugno a Milano, al bistrot-bar-libreria Colibrì, in Via Laghetto, di fronte a un pubblico partecipe e caloroso.

Per l’occasione è venuto da Roma  Stefano Giovinazzo, direttore editoriale di Edizioni della Sera, che ha reso possibile questo progetto collettivo di poesia haiku  legata alle quattro stagioni.

 Gli autori presenti: Laura Cainarca, Francesca Casagrande, Tiziana Kureiji Valentino, Flavia Rolli, Antonella Tissot, Luigi Zamproni.

Ecco alcune foto scattate durante l’evento:

Haiku Estate 1

Haiku  Estate 4

 

Estate Haiku 8

… e in ricordo di questo bell’incontro, un mio  haiku

estate in haiku 

una nuova stagione –

non è un addio *

 

* riecheggiando le parole di Stefano Giovinazzo “non è un addio ma un bellissimo arrivederci”.

Read Full Post »

Qui di seguito, altri componimenti in metrica giapponese

scritti nel corso della serata a Robecco sul Naviglio

dai miei  amici  del Laboratorio 

 “Semplicemente Haiku”:

Andrea, Laura e Luigi 

Robecco 4 - luglio 2015

Robecco 5 - luglio 2015

Robecco 6 - luglio 2015

i lunghi rami 

carezzano il canale –

foglie sull’acqua

haiku di Andrea

***

timida luna

tessi tra i rami neri

un filo d’oro

haiku di Andrea

***

luci tremanti –

biciclette lontane

lungo il canale

senryu di Andrea

*****

cantano i grilli –

dietro ai pioppi immobili

sbuca la luna

haiku di Laura

***

sale la luna –

lungo il fiume d’argento

solo zanzare

haiku di Laura

****

tremula luna –

nei riflessi sull’acqua

lievi carezze

si piegano i salici

nella torrida sera

tanka di Luigi

Read Full Post »

Anche se molto in ritardo,

condivido i brevi componimenti in metrica giapponese

che ho scritto il 20 luglio

 nel corso di una serata a Robecco sul Naviglio,

in compagnia degli amici

del Laboratorio  “Semplicemente Haiku”. 

Robecco luglio 2015

Robecco 2 luglio 2015

Robecco 3 luglio 2015

cala la sera –

tramonta il volo lieve

di una libellula

haiku

*****

nell’afa estiva

la fresca fantasia

di un bambino

haiku imperfetto: ultimo verso  di 4 sillabe nel conteggio metrico

***

tra padre e figlio

parole bisbigliate

nella magia notturna

katatuta: 5-7-7- sillabe

***

tra i rami scuri

rossa falce di luna –

esile luce

haiku

***

neppure il fiume

tra i campi inariditi

offre frescura

haiku

***

cri cri di grilli

e la voce di un bimbo

nel silenzio notturno

katauta: 5-7-7 sillabe

***

 piccolo haijin

sulle spalle del padre

inventa favole

senryu

***

 in riva al fiume

impietose e insistenti

quante zanzare!

haiku

***

Componimenti in metrica  e foto di Flavia Rolli

Read Full Post »

420592_2431142757825_1883313521_n  Plakias

 

(katauta)

sole allo zenit –

il canto di cicale 

sulle note del mare

****

(senryu)

a piedi nudi

affondando i pensieri

sulla battigia

****

(senryu)

tra neri scogli

la marea spumeggiante –

bianca criniera

****

(haiku)

stelle e lampare

confuse  all’ orizzonte –

al di qua il buio

****

 

1972498_737592956283559_3057440570602756807_n Gumello S Lorenzo

(haiku)

dieci d’agosto –

oscurate le stelle

solo la luna

poesie in metrica giapponese di Flavia Rolli

immagini : Nikos Plakias Ontherocks (mare)

Flavia Rolli (notturno)

Read Full Post »

Sedoka di Flavia

luna

falò nei campi  

la luna e il sole sposi

magia di mezz’ estate 

 

è  San Giovanni –

s’illumina la notte

oscurando le ténebre

****

sedoka di Flavia

immagine dal web

******

Nota:  

Il sole, nel solstizio d’Estate, sembra fermarsi, sorgendo e tramontando sempre nello stesso punto sino al 24 giugno, quando ricomincia a muoversi sorgendo gradualmente sempre più a sud sull’ orizzonte. La notte di S. Giovanni, il 24 giugno appunto, rientra nelle celebrazioni solstiziali; il nome associatogli deriva dalla religione Cristiana, perché secondo il suo calendario liturgico vi si celebra San Giovanni Battista.

In questa festa, secondo un’antica credenza il sole (fuoco) si sposa con la luna (acqua): da qui i riti e gli usi dei falo’  (per attirare la benevolenza del sole e rallentarne idealmente la discesa) e della rugiada, presenti nella tradizione contadina e popolare. Non a caso gli attributi di S. Giovanni sono il fuoco e l’acqua, con cui battezzava. Così nel corso del tempo, c’è stato un mischiarsi di tradizioni antiche, pagane, e ritualità cristiana, che dettero origine a credenze e riti in uso ancora oggi e ritrovabili perlopiù nelle aree rurali.

Con le feste del solstizio estivo, San Giovanni è visto come protettore dalle influenze malefiche: nel momento in cui inizia la fase “oscura” del cielo annuale e le minacce delle forze del male e delle tenebre sembrano farsi più forti, si sente la necessità di qualcuno che assicuri la rinascita della luce.

Gli antichi senza dubbio colsero un significato nella strana ironia per cui quando la luce e la vita sono al culmine, al solstizio d’estate, si gettano i semi della morte, delle tenebre e del decadimento; e lo stesso vale per il contrario, al solstizio d’inverno.

Ecco forse spiegato il motivo per cui si svilupparono tutta una serie di riti – i fiori, il fuoco, le nozze e i funerali – che accompagnavano la festa di Mezzestate: era una celebrazione della trasformazione.

A Mezzestate, nello sbocciare di un fiore, nel fuoco, nel sesso e nella morte, si liberano le energie, avviene una trasformazione, e il Cielo e la Terra si riuniscono per un momento. E poi la vita continua.

 

Per saperne di più sui riti e le usanze di questa festa

cliccare sul link qua di seguito

http://www.gustosamente.com/article/notte-di-san-giovanni-una-notte-davvero-magica

Read Full Post »

Older Posts »