Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘renga’ Category

spontaneamente

cresce una margherita

in mezzo ai campi

bianca corolla

con un cuore pulsante –

è puro amore

***

Flavia e Francesca

Read Full Post »

è tanabata
la festa delle stelle
innamorate

tanzaku fra le foglie
sussurro un desiderio

per una notte
uniti nell’abbraccio
Vega ed Altair

gazze intrecciano le ali
sopra il celeste fiume

***

Renga di Flavia

Il Tanabata Matsuri, che si svolge il settimo giorno del settimo mese, deriva dal festival cinese Qixi che, durante il periodo Heian (794 – 1185) venne introdotto presso la corte imperiale di Kyoto. All’inizio del periodo di Edo divenne una festa pubblica e, dopo aver preso alcuni elementi dal festival di Obon (si festeggia nello stesso mese) divenne il moderno Tanabata. All’origine del Tanabata, come per il cinese Qixi, c’è un racconto folkloristico: “La Principessa e il Gaurdiano delle Mucche“.
Il Re del Cielo, Tentei, aveva una figlia, Orihime, che aveva la passione della filatura; filava bellissimi vestiti che facevano la gioia del padre. Però le ragazza era triste; lavorava così tanto e non aveva tempo per incontrare qualcuno e, magari, per innamorarsi.

Tentei, impietositosi, le organizzò un incontro con Hikoboshi, un contadino, un guardiano delle mucche, che abitava dall’altra parte del cielo. I due ragazzi si incontrarono e si innamorarono a prima vista e si sposarono in tutta fretta; Orihime trascurò il suo lavoro e Hikoboshi lasciò le mucche vagabondare per tutto l’universo. Queste trascuratezze provocarono l’ira del padre Tentei che separò i due sposi impedendo loro di vedersi; tra i due scorreva ora il fiumeAmanogawa che impediva l’uno di raggiungere l’altra. Le lacrime di Orihime convinsero il padre a permettere ai due sposi di incontrarsi una volta l’anno, il settimo giorno del settimo mese. Purtroppo, al momento del primo incontro, scoprirono che non c’era nessun modo di superare il fiume per potersi riabbracciare. Orihime pianse così forte che uno stormo di Gazze fece un ponte con le ali permettendo così il ricongiungimento tra i due amanti.
La Principessa Orihime è la stella Vega, Hikoboshni la stella Altair e il fiume Amanogawa rappresenta la Via Lattea: proprio il sette di luglio, se uno osserva il cielo, vedrà queste due stelle quasi incontrarsi. Se durante il Tanabata piove le Gazze non possono librarsi in volo e l’incontro tra i due giovani sarà rimandato all’anno successivo.

Ulteriori ionformazioni sul Tanabata Matsuri a questa pagina:

 http://sakuramagazine.com/tanabata-matsuri-festa-delle-stelle-innamorate/

Read Full Post »

Notte di luna

esprimo un desiderio

lo affido al cielo.

 

Un gatto nero

sussurrando alle stelle

propizia i sogni

***

Flavia e Francesca


(immagine dal web)

* ‎Nella notte di questo sabato 5 maggio la Luna è in perigeo, punto più vicino alla terra nel corso del 2012,  a circa 356.955 km dal nostro pianeta. Il fatto che nello stesso momento il Sole si allinei con la Luna, fa sì che nei nostri cieli appaia una splendida luna piena, la più grande che vedremo quest’anno. Una luna così straordinaria non può che essere propizia per i nostri desideri….

Read Full Post »

neve-di-notte[1]

Bruni scheletri
sul manto immacolato
rami protesi

Fra le ombre oscure
un fanale s’accende
neve scintilla

***

Flavia

Immagine dal web

 

Read Full Post »

Nell’ultimo giorno di vita di Splinder ho avuto un moto di nostalgia e ho sfogliato qualche pagina del vecchio blog. Ripropongo questo renga che ci ha viste scrivere  a più mani… un bel momento di  coesione, un esperimento da ripetere. 

Cielo di pece
un’eclissi di sole
non è per sempre

L’oro risplende
vivido e luminoso
oltre quell’ombra

Mare dorato
di luna nera i raggi
inquietudine

Oltre le stelle
sopra un cielo di carta
pende la luna

Luce lunare
offuscata dal sole
mare soffuso

Olio liquido
affonda l’eterno astro
onde in burrasca

Cala il sipario
d’ un luminoso manto
si copre il cielo

Con sfumature
si illuminano le ombre
tela inedita

**

Flavia, Flavia,  Eufemia, Francesca, Jalesh, Eufemia, Rosemary, Rosemary

Read Full Post »

Inverno – Flavia

Rami spogliati

come lische di pesce

ignude e fredde.

 

Grembo materno

sotto coltre di ghiaccio

scalda una spiga

***

Flavia

Immagine dal web


Read Full Post »


Unica fiamma
un fiammifero acceso
calore e sogno.

Si spegne il fuoco
tra le dita gelate
fa freddo e buio.

Indifferenza
in quell’ultima sera
tu assiderata.

Cade una stella
tu la segui nel cielo
tetro bagliore. 

***

Flavia

* Renga ispirato all’omonima fiaba di H.C. Andersen.

E’ un post guidato sul  tema settimanale del blog La Nostra Commedia – http://lanostracommediajalesh.wordpress.com/

“Io credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente. La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi: essa ci può dare delle chiavi per entrare nella realtà per strade nuove, può aiutare il bambino a conoscere il mondo. ”  (Gianni Rodari)


Read Full Post »

Older Posts »